strie
strie
 


 


 

MultiCOOLtura



 


STRIE

THE BEADS PROJECT
Perline di speranza

di Chibuzo Onuoha
Cos'è una perlina? Una perlina è un piccolo oggetto decorativo di diverse forme e misure e realizzato con materiali come pietre, conchiglie, vetro, plastica, legno o perle nel quale viene praticato un piccolo buco per essere infilate e lavorate. Le perline variano in dimensioni da un millimetro fino a più di un centimetro di diametro (Wikipedia)

Le perline sono tra i più intriganti e importanti simboli nella cultura africana, sia nel passato sia nel presente.
I materiali usati nel realizzare perline o artefatti sono di gran varietà, dalle ossa al vetro.

I colori e le dimensioni, il significato dei materiali scelti, il modo di indossarle tra gli altri usi (sul corpo, sui vestiti o su accessori) e ovviamente la “soggettività” della persona che le usa denotano prospettive, esperienze, sentimenti, credo, desideri e/o potere.

La soggettività rappresenta il “senso del sé” che influenza ed informa l'opinione degli altri sulla prorpia verità o realtà, specialmente per ciò che riguarda le perline e i relativi artefatti.


(http://www.wilderness-safaris.com/blog/posts/the-importance-of-beads-and-beadwork-in-african-culture)

USI E SIGNIFICATI DELLE PERLINE TRA GLI IGBO


Tra gli Igbo (etnia del Biafra – sud est della Nigeria, Africa n.d.t.) le perline sono un simbolo di onore e tradizione: con le perline è possibile capire il ruolo ricoperto all'interno della comunità.

Gli Igbo usano differenti colori per le loro perline: principalmente il rosso, il bianco, il blu e l'arancio. Il rosso e il bianco vengono usati sopratutto per gli uomini titolati, come ad esempio i re (EZE) e i primi ministri tradizionali (ONOWU), inoltre le perline bianche rappresentano la pace nel territorio e chiunque indossi perline bianche è perché è un uomo/donna di pace, il cui ruolo quindi è portare la pace all'interno della comunità.

Le perline per i re (EZE) sono rosse e bianche con alcune più lunghe e a forma di denti, mentre la moglie del re (LOLO) indossa perline degli stessi colori ma con alcune grandi perle rotonde.
Ora però chiunque indossa qualsiasi tipo di perlina a prescindere dal proprio status sociale.
Le perline vengono usate anche nei matrimoni tradizionali: esse adornano il gazebo della sposa e abbelliscono gli sposi che le indossano al collo e sulle sedie usate per la celebrazione.
Per i titoli onorifici, gli Igbo usano le perline per rendere onore ai titolati per il contributo che donano nella crescita della comunità, dando loro titoli quali UGO-MBA che significa orgoglio della propria gente e altri nomi, ed il villaggio li rispetterà, li indicherà e li chiamerà con questi nomi.
Infine, gli Igbo indossano le perle sui fianchi come cinture, sopratutto le donne, per ragioni spirituali (ad esempio, per protezione).

IL PROGETTO

Condividere la cultura Igbo attraverso gli artefatti di perline è uno degli obbiettivi di questo progetto. Portare questi prodotti in Italia ci permette di conoscere meglio la cultura africana attraverso i diversi significati simbolici che le perline posseggono. Ciò promuove anche il mantenimento delle antiche tradizioni poiché offre agli Igbo una via di commercio dei propri arefatti locali. Grazie a ciò, possiamo dare ai giovani Igbo un'opportunità che permetterà di limitare l'emigrazione dal loro paese in cerca di verdi pascoli.

Il rischio è che le produzioni artigianali spariscano a causa di mancanza di sostegno e patrocinio: i giovani smettono di produrle e cominciano a pensare di venire in Europa a cercar fortuna. Infatti le condizioni attuali sotto la leadership di Buhari, l'attuale presidente della Nigeria, stanno economicamente e socialmente peggiorando.
In più, molti giovani abbandonano gli studi poiché non hanno sufficiente denaro per pagare le tasse scolastiche. Il secondo obbiettivo di questo progetto è quindi di devolvere parte del ricavato per sostenere le famiglie ed i bambini nel pagamento delle tasse scolastiche: possiamo monitorare tutto ciò grazie ai contatti diretti che abbiamo coi genitori dei bambini.

Realizzeremo questo progetto in un piccolo villaggio chiamato UMUEZE, situato nel sud est della Nigeria, Imo State, che mantiene una profonda eredità tradizionale in cui ancora crede.

Questo è il villaggio dal quale provengo.

Ciò significa che possiamo avere un contatto diretto con chi sa come realizzare le perline in modo tradizionale e anche organizzare gruppi di persone che saranno di aiuto al nostro progetto.

Inoltre possiamo promuovere il progetto in Italia presenziando a mercati, piazze, negozi di artigianato locale e via dicendo.

Possiamo anche organizzare conferenze ed eventi come cene a base della tipica cucina nigeriana.

Speriamo di partire con il progetto questo dicembre (2016) e per giugno del prossimo anno fare una verifica sui progressi realizzati sia in Italia sia in Nigeria.

Verificheremo in giugno e novembre per vedere l'impatto che abbiamo avuto nel promuovere la cultura e ridurre la povertà nella comunità, e allo stesso tempo sapremo come questo avrà sensibilizzato gli italiani in merito alla cultura Igbo.
 


Noi speriamo che attraverso questo progetto potremmo dimostrare che investire nella cultura e nelle tradizioni è importante e proficuo per tutti.


STRIE

THE BEADS PROJECT
Chibuzo Onuoha

What is a bead? Bead is a small, decorative object that is formed in a variety of shapes and sizes of a material such as stone, shell, glass, plastic, wood or pearl and that a small hole is drilled for threading or stringing. Beads range in size from 1 millimeter (0.039 in) to over 1 centimeter (0.39 in) in diameter (Wikipedia).

Beads are among the most intriguing and important symbols in African culture, past and present. The materials used in making beads/beadwork are of the largest variety, from bone to glass. The colours and sizes, the significance of the materials chosen, the placement of beads (on the body, clothing or articles) among other uses, and of course the “subjectivity” of the person using beads denote perspective, experience, feelings, beliefs, desires and/or power. Subjectivity is the “sense of self” which influences and informs people's judgments about truth or reality, especially on the topic of beads and beadwork (http://www.wilderness-safaris.com/blog/posts/the-importance-of-beads-and-beadwork-in-african-culture)


THE USES AND MEANING OF BEADS IN IGBO LAND

In Igbo-land beads are a symbol of honour and traditions, with beads you will know who is who in Igbo-land and what it signifies.

  Igbo use many types and colours of beads, mainly reds, white, blue and orange colours.
Red and white colours mostly are for the titled men e.g. the kings (EZE) and the traditional prime ministers (ONOWU), also white beads represent peace in the land and anybody you see wearing white beads you know that he is a peace maker.
The beads for kings (EZE) are red and white with very long teeth beads, while the king's wife (LOLO) wears also the same but with a few big round beads.

But now everybody is wearing all kind of beads irrespective of their own status.
We also use it in traditional marriages by using it to decorate the compound of the bride, and also we use it to beautify the celebrants by wearing it around their necks and their chairs.

For the chieftaincy title, we use it to honour them for their contributions to the growth of the community by naming them UGO-MBA that means the pride of their people and other names, and the villagers will respect, address and call them by their titled names.
And finally, we also wear beads on our waist, mostly females, for spiritual reasons (e.g. protection).

THE PROJECT

To share Igbo-land culture through beads is one of the target of this project.
Bringing the artifacts in Italy permits us to know more about African culture and shows what beads mean as symbols and significance. It also promotes and maintains the ancient traditions by offering to Igbo people a way to trade their own artifacts.

By doing these, we may offer to Igbo young females and males an opportunity that will limit them from coming here in search of green pastures.
The risk is that traditional artifacts will disappear because of without someone patronizing that, young ones will stop doing it and will start thinking how to come here to find lucky.

Infact the present condition under the leadership of Buhari, the current president of Nigeria, are getting economically and socially worse. Too, some young once are dropping out from school because of no money to pay for their school fees.

So the second target of this project is to raise some money to sustain some parents in paying their children school fees: we may also monitor about it by having a direct contact of the parents and of the children.

We will realize these project in a little village called UMUEZE, located in the south east of Nigeria, Imo State, that has a good traditional heritage and also still believes in it.

This is the village I came from.

This means that we can have a direct contact with someone who knows how to make the beads in the traditional way and also organize some groups of people that will be of help to our project .

Secondly we may promote it in Italy by being present in areas such as markets, squares, traditional shops and so on. We can also organize conferences and events like launch with typical Nigerian cuisine.

We hope to introduce these project in December this year and by June next year we will make a review of it to see whether we are making progress both here and in Nigeria. We will verify in June and November to see the impact we have made to promote the culture and reduce poverty in the communities, in the same time we will know how it have sensitizes the Italians about Igbo culture.

We hope that through these project we will demonstrate that to invest in culture and traditions is very important and beneficiary to all.



STRIE



©2016 Chibuzo Onuoha
traduzione in italiano Micaela Balìce
info: info@strie.it - chibuzo716@gmail.com

Qualsiasi riproduzione, senza esplicito consenso dell’autore è vietata.

Immagini: intestazione da internet; altre immagini fotografie originali mercato Umueze, Imo State, Nigeria



 

info@strie.it



strie
TORNA ALLA HOMEPAGE



STRIE Associazione Culturale
info@strie.it - www.strie.it - cell. 3475203280

Grafica e animazioni di Maria Giusi Ricotti - Il Calderone Magico